16 ottobre 2007

Marameo

"Ma pensa te, devo smetterla di fare questa vita, ormai ho un'età... eh, 10 anni iniziano a farsi sentire!"

Magari è l'ultima cosa che è passata per la testa del micio che ho trovato morto ieri sera, in mezzo alla strada, mentre me ne tornavo a casa. Magari gli animali non pensano, ed io sono un pirla. Magari gli animali invece PENSANO, ma io sono pirla lo stesso.

Fatto sta, erano le 2 notte (faccio le ore piccole) e con i fari ho illuminato una sagoma, ahimè, fin troppo familiare.

Mi sono fermato per assicurarmi che magari non fosse ancora vivo, l'ho toccato con una scarpa (per via di evitarmi eventuali unghiate), ma era già ito verso i campi elisi. Allora l'ho raccolto per metterlo a bordo strada, in un campo.

Doveva essere morto da poco, perchè la sensazione agghiacciante di un corpo che si raffredda velocemente è SEMPRE bruttissima da vivere.

L'ho appoggiato in mezzo all'erba e gli ho chiuso gli occhietti con una mano, come si fa con i cristiani. Ed i musulmani. E gli Ebrei. E tutti gli altri, perchè quando crepi, chiunque tu sia, diventi uguale a me.

La botta non ha lasciato segni evidenti sul corpicino, solo è morto con un pezzettino di lingua di fuori, come una pernacchia. Se fosse sopravvissuto, probabilmente l'avrei chiamato Marameo.

Ormai soffro in maniera innaturale per la morte di un animaletto, mentre non riesco a provare la benché minima emozione per qualsiasi disastro capiti all'uomo (inteso come specie). Evidentemente la politica non è l'unica cosa che mi ha stufato, di questo mondo.

Non sto a dire cose retoriche tipo "adottate un cane" e roba così, perchè tanto chi lo doveva fare l'ha già fatto, e chi non l'ha fatto non sa cosa si perde. O magari lo sa e non può, purtroppo.
Non vi dico di non abbandonare mai i vostri animali, perchè lo reputo un gesto sub-umano, e spero che nessuno di voi lo sia.
Non vi dico che non sapevo (e soprattutto non credevo) che si potesse amare un cane, nel senso più puro del termine, finché non ho portato a casa la mia Meraviglia.

Non ve lo dico perchè sono i pareri di uno che non conta, che si è scoperto animalista a quasi trent'anni, che fa il duro in pubblico e poi piange per un micio.

Ma, d'altronde, sono uno che raccoglie i gatti per strada.

Bloggers Unite - Blog Action Day

Miao.

6 commenti:

Orso ha detto...

Beh, decisamente un bel gesto il tuo. I gatti morti per strada cercano di evitarli tutti, chi per non infierire sulla bestiola e chi per non sporcare le gomme del macchinone, ma pochi hanno la premura di toglierli dalla strada.

Fatalità.... ieri sera un gatto mi ha attraversato la strada mentre ero in scooter, non l'ho centrato per un pelo.
Se l'avessi centrato forse oggi non sarei qui a scrivere, o comunque non ne parlerei un gran bene... casi della vita

Vale ha detto...

Per me è uguale, spesso provo più pena e dolore per gli animali maltrattati che per un certo genere di umanità. é brutto da ammettere ma è così. Così come sono convinta che quello che ti può dare un animale, in termini di affetto, calore e umanità è difficile da trovare nella gente.
Baci

Gaiux ha detto...

Quando vedo un animale morto o che sta morendo, mi si spezza sempre qualcosa dentro. Piango ogni volta, non riesco a trattenermi.

Spesso gli animali meritano molto di più degli esseri umani (o perlomeno, di "certi" esseri umani).

Lillo ha detto...

@Gaiux: ho un problema: su quale blog dei tuoi posto? ne hai un quintale :D

@Vale: Amen.

@Orso: capisco. Carino da parte tua schivarlo. Certo che però venerdì sera non c'era nessun gatto, e non mi sembra che le tue prestazioni scooteristiche siano migliorate... baci.

Ele ^.^ ha detto...

...chettelodicoafare!...

Gaiux ha detto...

Posta su "Svaccata sotto i tigli" ^__^