25 novembre 2008

Spalla cotta

Riassunto velocerrimo degli ultimi avvenimenti:

1- è stata una settimana tirata, ma proprio tiratizzima

2- per concluderla in bellezza, mi hanno fatto uscire una spalla venerdì sera ad allenamento, ed ora ho voglia di ammazzare qualcuno (cosa che farò non appena mi sistemo)

3- ieri era il patrono di Reggio Emilia, e quindi sono rimasto a letto per un profetico Lunedì: svegliarsi per abitudine alle 7.15, buttare l’occhio fuori, vedere che nevica e voltare gallone è un gran piacere, va là

4- oggi la spalla mi fa un male bastardo, e mi sa che questa settimana di allenarmi non se ne parla

5- è l’ultima settimana di lavoro, dopodiché cadrò vittima della mia cronica mancanza di fiducia e di soldi

6- ho regalato l’i-Phone ad Elena per il suo compleanno, un agguato curatissimo, che le ha causato (nell’ordine) stupore, sorpresa, felicità, imbarazzo, bacio (che era poi anche ora)

7- come direbbe la Pappina, 7 è un buon numero per finire.

Baci,
-L.

18 novembre 2008

TOP 5 - Le cinque canzoni che canti a squarciagola sotto la doccia

5- Rasputin – Boney M

4- Il Bombarolo – De Andrè

3- You shook me all night long - AC/DC

2- Mexico – James Taylor

1- Maledetta Primavera – Loretta Goggi

14 novembre 2008

Stanotte ho fatto un sogno.

Che detta così, può voler dire tutto e niente.
Ma se il tutto è poco, allora non c’è tanta differenza. E quindi non conta.

Stanotte ho fatto un sogno.

Un sogno che speravo di non fare. “Allora è un incubo”, dirai.
No, è un sogno che non volevo fare. Svegliarsi dopo, quello è l’incubo.

Stanotte ho fatto un sogno.

Un sogno semplice, lineare, timido. Pieno di me e di come sono.
O di come sogno di essere.

Stanotte ho fatto un sogno.

Un sogno bello, ma bello bello.
Talmente bello che spero di non farne mai più.

10 novembre 2008

Corri corri

Sto veramente correndo come un disperato a destra e sinistra.

Forse c’è una lucina in fondo al tunnel, sperèm! Intanto il mio muovermi continuamente inizia a dare i suoi frutti, almeno un pochino.

Dai che ci salto fuori.

Così posso anche scriverVi tutto…

Baci.

05 novembre 2008

Serate gagliarde

Effettivamente si può dire che ieri sera abbia esagerato. E vabbè.

Stamattina il mondo non è propriamente splendido, però ne valeva la pena mille millllioni di volte.

Poi mi sveglio (in ritardo ver-go-gno-so), accendo la radio in macchina e mi ritrovo questa notizia…

Che dire?

GO OBAMA GO!

E continuiamo a pensare a come mantenermi dopo il 30 Novembre…